Accademia Albertina di Belle Arti di Torino

Home

Accademia Albertina di Belle Arti di Torino

Alto contrasto

Elisa full members

Operazione Trasparenza

Ti trovi qui:Home > Concorsi > News ed Eventi > Incontri > PROGETTO ABILITART: DALL’ACCADEMIA ALBERTINA ALLE PARALIMPIADI DI RIO DE JANEIRO, ARTE A SOSTEGNO DELLA DISABILITÀ.

PROGETTO ABILITART: DALL’ACCADEMIA ALBERTINA ALLE PARALIMPIADI DI RIO DE JANEIRO, ARTE A SOSTEGNO DELLA DISABILITÀ.

16/08/2016

PROGETTO ABILITART: DALL’ACCADEMIA ALBERTINA ALLE PARALIMPIADI DI RIO DE JANEIRO, ARTE A SOSTEGNO DELLA DISABILITÀ

 CONFERENZA STAMPA Martedì 30 agosto 2016 alle ore 12.00

 presso la Sala Azzurra dell’Accademia Albertina.

 Per informazioni: +39 011 0897370 - comunicazione@accademialbertina.torino.it

ABILITART è il progetto ideato e realizzato dalla Scuola di Anatomia Artistica del prof. Paolo Belgioioso, dell’Accademia Albertina di Belle Arti di Torino. E’ il risultato di un percorso iniziato nel 2014, in cui le attività della didattica si sono arricchite di seminari, workshop e performance di atleti, con l’intento di incoraggiare gli oltre 150 studenti inizialmente coinvolti nell’affrontare i temi della disabilità nello Sport. Dal dialogo e dal confronto sul piano umano e artistico con gli atleti disabili sono nate opere grafiche, pittoriche e fotografiche, con la volontà di rivelare le potenzialità ed eccellenze del corpo nonostante il limite, l’imperfezione, la disarmonia. sono state esaltate le risorse di forza, coraggio e determinazione, per superare le barriere intellettuali in nome di un’Arte che possa comunicare al meglio i valori universali dello Sport.

ABILITART ha esordito durante il 1° Festival Internazionale delle Scuole d’Arte e di Design, FISAD 2015, tenutosi presso l’Accademia Albertina di Torino, nel Luglio 2015  in collaborazione con il Comitato Italiano Paralimpico, contestualmente alla manifestazione Torino Capitale Europea dello Sport. Premiato dal Lions Club, è stato riproposto in parte presso la sede Rai di Torino, in occasione del Prix Italia 2015. Il progetto espositivo è stato quindi richiesto nell’ambito dei Giochi Paralimpici 2016, per la sede di Casa Italia, ospitata per l’occasione presso la Paroquia Imaculada Conceição di Rio de Janeiro. L’iniziativa è realizzata in collaborazione con il Comitato Italiano Paralimpico e con la Fondazione Italiana Paralimpica, ed è patrocinata dal Pontificio Consiglio della Cultura. Quest’ultimo importante supporto morale si è rivelato fondamentale per il prezioso contributo introduttivo al catalogo delle opere da parte del presidente, S.Em. Cardinale Gianfranco Ravasi.

Nel volume, oltre al saluto del Presidente del Comitato Italiano Paralimpico, Luca Pancalli, figurano le presentazioni del Presidente dell’Accademia Albertina, Fiorenzo Alfieri, del Direttore dell’Accademia Albertina, Salvo Bitonti e di Paolo Belgioioso, docente e curatore del progetto espositivo e dell’allestimento a Casa Italia Paralimpica.

Oltre ad una quarantina di opere individuali la mostra propone un lavoro collettivo raffigurante tre Prigioni di Michelangelo, nei colori degli agìtos del logo paralimpico, rappresentanti la disabilità fisica nello Schiavo che si desta (rosso), psichica in Atlante (blu) e sensoriale nello Schiavo giovane (verde). È Composto da 105 tasselli realizzati da 80 studenti con tecniche diverse. Tante mani per

L’ARTE A SOSTEGNO DELLA DISABILITÀ

Dopo Rio 2016, dove la mostra sarà inaugurata ufficialmente il 6 Settembre, in occasione della apertura di Casa Italia Paralimpica  altri due importanti appuntamenti espositivi attendono ABILITART: il primo si svolgerà a Roma nel mese di dicembre, presso l’Ara Pacis o gli spazi espositivi dell’Hotel Waldorf Astoria ex Hilton, sempre in collaborazione con il Comitato Italiano Paralimpico e la Fondazione Italiana Paralimpica; il secondo, previsto nella primavera 2017, riproporrà la mostra a Torino, in una sede da definire, con una veste rinnovata, più ampia e articolata.

 Allievi:

Melissa Abate Daga, Yang Aoxue, Davide Ballario, Beatriz Basso, Eloisa Benna, Daniel Bongioanni, Gabriele Bosco, Diandra Camino, Julien Cittadino, Chiara Civalleri, Noemi Gagliardo Corsi, Davide Faure, Ferdinando Faure, Amaranta Flagelli, Oscar Giachino,Veronica Gresia, Qin Jinagsiquan, Giorgia Lo Faso, Alberto Longo, Maria Vittoria Marangon, Greta Martino, Francesca Molina, Beatrice Morino, Sheida Morshedi, Matilde Negro, Camilla Panero, Claudia Petacca, Davide Pognant Gros, Marco Poma, Debora Quaglino, Arianna Rossi, Flavio Rossi, Jasmine Salah, Arianna Sciarrone, Wang Yikai, Elena Zambon.

 

La mia accademia